Lingua Siciliana

Si po usari lu Sicilianu pi parrari di polìtica oji?

Cu’ taliassi li nazionalisti siciliani chi pàrranu ntra d’iddi, vidi ca pàrranu quasi sempri in italianu.

Non cc’è nenti di stranu, in linia di principiu.

Si cci pinzamu, èssiri nazionalisti siciliani non ven’a diri ca la Nazioni Siciliana av’a usari lu Sicilianu comu ùnica lingua nazionali.

La maggiuri parti di la nostra tradizioni, a la riversa, di l’ùltimi 200 anni circa, a’ usatu lu ‘talianu e la Sicilia s’a’cunzidirata na Nazioni di lingua italiana, comu lu Mèssicu è na nazioni di lingua spagnola e l’Irlanda, pi chiossai di lu 90%, è na nazioni di lingua nglisa. Aviri na lingua pi li fatti so po èssiri mpurtanti pi na nazioni oppressa comu la nostra, ma non è custioni di vita o di morti.

Però lu Sicilianu esisti, e  – puru comu lingua sussidiaria – di li sintimenti e di la passioni, è certi vôti chiù viva di lu stissu ‘talianu.

Siddu non la ùsanu mancu chiddi chi crìdinu nna la prospittiva di la ndipinnenza di la Sicilia, cu’ l’avviss’a usari? E na lingua ca non si usa chì fini po fari?

Ju penzu ca cci sunnu pro e contra, comu in tutti li cosi.

Mittèmmuli supra na vilanza, a la fini, secunnu mia è cumminenti didicari macari na parti nica di la nostra comunicazioni a lu Sicilianu, ma dicu a un Sicilianu bonu, eleganti, seriu e “nazionali”.

La fazzu curta….

 

Li contra sunnu nna la sustanza sulamenti dui…

Lu primu è la mancanza di canuscenza di la lingua siciliana e di la so ortografìa e lèssicu corretti di parti di li Siciliani stissi.

Di quannu cci sunnu li “social” lu Sicilianu stà arriviscennu di vita nova. Li genti chi scrìvinu ‘n Sicilianu cci sunnu, e còmu….! Ma chì Sicilianu ùsanu? Ùsanu un Sicilianu bàrbaru, virnaculari, ladiu a liggirlu, e quasi incomprenzìbili… Cèrcanu di scrìviri comu pènzanu e comu parranu. Ma facinnu chissu, non stannu facennu un bon sirbizu a lu Sicilianu. Lu sacciu ca un Sicilianu stàndardi pirfettu non esisti. Ma cci sunnu già na pocu di règuli, boni grammàtichi (ju usu sempri chidda di Salvaturi Russo). La varianza cc’è, ma non s’av’a esagirari…

Ma, a taliari bonu, chistu non è un problema… Si nuàutri accuminciamu a scrìviri nta un Sicilianu bonu, cu’ ni liggi su nzigna macari iddu. È custioni di pràtica….

Lu sicunnu è la scarsa diffusioni di lu Sicilianu macari dintra la Sicilia stissa. Cci sunnu sicilianu ca non lu capìsciunu chiui e cci sunnu siciliani ca lu pàrranu ma non lu vônnu lèggiri, picchì a lèggiri ‘n Sicilianu cci voli n’anticchiedda di sforzu. E si ju vogghiu ca na littra, un editoriali, un pezzo, è liggiutu di quantu chiù pirsuni possìbili, cercu di scrivirlu nta na lingua chi avi la màssima diffusioni possìbili… St’obiezioni è seria, e non cc’è nenti di fari. Però si po usari na stratigìa pi cuntrastari stu problema… cci arrivamu.

 

Li pro sunnu macari dui.

Lu primu, di non sottovalutari, è ca la cumunicazioni ‘n Sicilianu si scanza di la cinsura supra lu web, italiana e ntirnazionali. Nta na lingua non codificata non cci poi fari nuddu cuntrollu automàticu. Putìssimu puru parrari di cosi eversivi (non aju sta ntinzioni…)… ci volu un sbirru assittatu ad ascùtaris e lèggiri tuttu. Non è tantu fàcili….

Lu secunnu è ca si cria na cumunità spirituali, e si cimenta lu sensu di appartinenza a un stissu pòpulu. Non è cosa di picca.

 

Quàli po èssiri na bona suluzioni? Videmu…

Pi mia la megghiu cosa è usari lu Sicilianu pi du’ missioni. Una è l’usu brevi, nna li slogan, nna li commenti, e pi chistu s’av’a canùsciri bonu lu Sicilianu giustu  ma si po usari macari lu dialetti di la propia citati.

E poi, ma sulu dintra travagghi d’apprufunnimentu, criari na littiratura sicunnaria ma spicializzata. Artìculi, pezzi, pi attivisti avanzati… Videmu si ni la fidamu a farlu….

Pi esempiu la pròssima vôta videmu si sapemu scrìviri la Custituzioni di lu 1848 tutta ‘n Sicilianu…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento