Lu 24 di Giugnettu, ‘n Palermu circa 1.500 cristiani prutistaru contra a la dittatura sanitaria e la mposizioni di lu passu sanitariu (lu dittu GreenPass).

Chistu lu sapemu.

La cosa gravi è ca nna stu paìsi chiamatu Italia non è chiù possìbili manifistari contra a lu cuvernu.

 

Non cc’era tempu d’addumannari lu pirmissu pi manifistari ma la Custituzioni e li diritti umani non ponnu aspittari.

E chì fa lu cuvernu pi mpidiri la manifestazioni?

Na multa sulu a chiddi ca pinzava èranu li “capi” di la manifestazioni.

E accussì la DIGOS ven’a chiama lu Sicritariu di Siciliani Lìbiri, Ciro Lomonte, e ci cunzigna na multa di 400 euri.

 

Si la pighianu cu unu pi nzignari a centu! A sèntiri d’iddi, almenu.

 

Secunnu iddi, cu na Custituzioni sospesa di lu 31 di Innaru 2020 e ‘un si sapi quannu finisci d’èssiri tali, c’avissi a fari lu nostru sicritariu? Stàrisi a la casa!

Unu putissi diri: “ma vuàutri ‘un siti pi lu rispettu di lu Statutu sicilianu?”

Sì, semu pi lu rispettu di lu Statutu sicilianu, ma siddu la Costituzioni e li stissi diritti “metacostituzionali” sunnu scarpisati, còmu lu putemu addifènniri stu Statutu chi di dda Costituzioni diriva e nni la quali è nzirutu?

 

“Siciliani Lìbiri” non avi nenti contra a li vaccini. Assai di li scritti su’ vaccinati, ma lu partitu è pi la libirtati vaccinali, ma suprattuttu penza d’aviri caputu chi signìfica lu passu sanitariu, un sistema elettrònicu pi trasfurmari li citatini in sùdditi.

 

Si lu capu d’un partitu polìticu ndipennentista non po manifestari, non è sulu iddu ca non è lìbiru, semu tutti a non èssiri chiù lìbiri.

Pi chistu oji voghiu esprìmiri tutta la me sulidaritati a Ciro Lomonte, chi rapprisintau un esempiu pi tutti li citatini siciliani ca non si scòrdanu zoccu è la dignità e libirtà.

 

NO A LA DIGITALIZZAZIONI DI LA CITATINANZA, NO A LI DISCRIMINAZIONI, NO A LU PASSU SANITARIU (Green Pass)!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento