Siciliani Liberi

5 anni fa, circa, nasceva Siciliani Liberi.

Tra poco si terrà il II Congresso Nazionale (il primo, esaurita la fase provvisoria, si è svolto nel giugno 2018).

Ho riletto il Manifesto fondativo, del 3 gennaio 2016, è credo che mantenga la propria attualità, sia per le premesse, sia per la scelta indipendentista, sia perché le “profezie” sull’individuazione del pericolo globalista si sono manifestate. Ma soprattutto per la soluzione sovranista democratica che si dà alla Questione Siciliana. Una soluzione che esplicitamente mette la persona umana, la famiglia, il lavoro e la società civile al centro, con la loro libertà rispetto ad ogni oppressione, tanto di gruppi di potere privato, quanto dello stato.

Ho pensato di fare cosa gradita ai lettori nel tradurre il Manifesto fondativo di “Siciliani Liberi” in Siciliano.

Siddu lu liggemu e lu capemu bonu, ven’a diri ca lu Sicilianu è na lingua viva e chi po èssiri usata macari pi discursi seri.

Bona littura

Manifestu pi lu Statu di Sicilia

La Sicilia di oji è na colonia, na colonia d’Italia, sfruttata a manu china di l’esternu e di lu nternu, mentri a li Siciliani è nijata ogni dignitati, pittànnuni sempri cu la parti di li “parassiti” e “mafiusi”. La Sicilia di oji non è paisi lìbiru, un paisi unni vìviri ‘n paci la propia vita.

Non si po stari chiù a taliari la cuntinua fuga di li nostri picciotti, custritti a circari lu so futuru a l’èstiru e ad abbannunari la so casa e li so affetti. Cu iddi si ni stà jennu lu nostru futuru e la nostra spiranza.

E mmeci l’avveniri di li nostri fighi e di li ginirazioni futuri av’a èssiri cca, nna sta Terra ùnica, ricca di biddizza, di cultura e di tradizioni ca nuàutri âm’a difènniri e sapiri usari pi li nostri bisogni e pi lu nostru progressu, nna lu rispettu di la natura, pi lassari macari a cu’ av’a vèniri doppu di nuàutri li tesoru ca ni lassaru l’antichi.

La Sicilia di oji, antica e nòbili nazioni europea senza statu propiu, avi un cuvernu, chiddu di lu Statu talianu; un cuvernu chi non a’ rispittatu mai in 70 anni lu Statutu di Autonomìa chi forsi tannu putìa èssiri un cumprumissu bonu p’addifènniri li nostri primi dritti e suprattuttu lu nostru drittu a èssiri uguali a l’àutri citatini, e a supravvìviri. La Sicilia d’oji, cu la cumplicitati di na classi polìtica àscara e corrotta, è para para scarpisata. Li Siciliani pàganu li tasci chiù àuti d’Italia, ànnu li peju sirbiza pùblici, e la so dignitati, la stissa identitati sunnu nijati, mentri  n’attoccca sempri d’èssiri vastuniati.

Pi sta ragiuni dicidemu di taliari a dda banna di lu Statutu, di lu stissu fideralìsimu o cunfideralìsimu, chi ponnu èssiri sulu firmati nna lu caminu versu la cumpleta libirtati di la Sicilia. Chiamamu ad arricòghiri tutti li Siciliani ca ancora si sèntinu orgughiusi di èssirlu e jisamu lu vissillu di la Ndipinnenza, comu a li tempi di lu Vèspiru.

Lu muvimentu “Siciliani Lìbiri” talìa dunca a la custituzioni di un Statu di Sicilia, dutatu di ndipinnenza china e suvranitati, un Statu pi na nazioni lìbira c’av’a ripighiari lu postu ca ci spetta ntra li pòpuli lìbiri, ncrociu nna lu Miditirraniu ntra pòpuli e culturi, Li corrotti, li mafiusi, li parassiti privilegiati, a li quali ni cunzignau la dominazioni taliana ànn’a èssiri jittati fôra di lu putiri, cunnannati, assicutati. Nuàutri ni spartemu di l’Italia, ca l’unioni oramai si vidi ca è falluta, e accuminciamu a cunzidirari l’Italia lu nostru meghiu amicu, junciutu a nuàutri di sèculi di vicinanza, di lingua cumuni, ma mai chiù lu nostru patruni.

Lu nostru Muvimentu si nzirisci nna la riscossa sovranista di li pòpuli contra na globalizzazioni, cumannata di quattru speculaturi, chi oji stà affamannu e destabilizzannu lu munnu sanu. Lu nostru Muvimentu è alternativu a tutti li partiti e li schieramenti taliani chi oji senza mèritu rapprisèntanu la Sicilia; n’alternativa pi tutti li citatini onesti e laburiusi chi non ponnu chiù suppurtari li sacrifici fatti fari e li supprusi fatti di na classi pòlitica tantu corrotta quantu serva di dda finanza ntirnazionali chi stà affucannu famighi e mprisi sani sani.

La Sicilia chi vulemu sarrà un Statu dimocràticu, lìbiru, pacìficu, e av’a difènniri li funnamintali dritti suciali di la pirsuna umana. Nuddu sarrà lassatu ndarreri a li màrgini di la sucità.

La Sicilia chi vulemu sarrà patruna a la so casa. Mai chiù àutri ànn’a dicìdiri quantu tasci  âm’a pagari, o s’ànn’a purtari a la so casa li nostri ricchizzi pi sanari li debiti pùblici d’iddi.

La Sicilia chi vulemu av’ad aviri la suvranitati fiscali e munitaria china, e cu chissa, non av’ad aviri bisogni di sprèmiri di tasci li so citatini pi dari sirbiza e rializzari nfrastrutturi.

La Sicilia chi vulemu s’av’a ripighiari la so storia, la so lingua, la so identitati nazionali.

La Sicilia è pi natura ricca, e av’a bastari a idda stissa. La Sicilia s’av’a putiri pirmèttiri na fiscalitati cumminenti, na stàbili munita so, quantu menu pi li scanci nterni, na totali autosufficienza energètica e alimentari. La pùblica amministrazioni, chi s’av’a mantèniri nna li setturi stratègici, s’av’a sèrviri quantu chiù possìbili di la nfurmàtica pi èssiri accussì leggia e amica di li famighi e di li mprisi, anzi ca na burocrazìa faraònica e nimica di lu progressu econòmicu di la Sicilia.

Nta la Sicilia chi vulemu la polìtica sarrà sirbizu a favuri di li citatini e no menzu p’accattari ricchizza e putiri, e chissa mittirrà la pirsuna umana, la famighia, lu travagghiu, la sulidaritati a lu centru di la propia azioni.

Sapemu ca lu còmpitu chi n’aspetta è ntra li chiù diffìcili, ma no pi la putenza di l’upprissuri, quantu pi la rassignazioni e li complessi di li stissi opprimuti: arruspighiari li cuscienzi di li Siciliani e fari rinàsciri dintra ad iddi ddu sintimentu d’orgoghiu e d’appartinenza è lu sulu strummentu chi po dari la forza nicissaria a dari la coffa a cullaburazionisti e prufittaturi di li nostri stituzioni, a cui l’opprimuti nzin’a ora ànnu statu ncatinati d’un rapportu trùbulu di fiducia elettorali; rapportu suventi pighiatu cu la suvirchiarìa di lu bisognu, di la gnuranza, di la mancanza di cunzidirazioni di nuàutri stissi. Ma nuàutri sapemu chi la Sicilia avi dintra d’idda li ricchizzi morali pi vìnciri sta guerra, e pi risùrgiri di li propi cìnniri, comu la Finici, chiù bedda e filici chi mai.

La Sicilia chi jamu a fari, cuvirnata di na nova classi dirigenti, onesta, capaci e cumpitenti, av’a sapiri sfruttari a lu meghiu li propri ricchizzi, av’a garantiri a tutti li propi citatini di putiri prugittari nna lu propiu paisi la propia vita, e av’a èssiri na terra di bonu statu e civiltati.

 

Nota per il lettore: per l’ortografia e la grammatica, seguo semre “Lingua Siciliana” di Salvatore Russo, che trovate nella home page; per il lessico mi servo del classico dizionario Mortillaro, integrato per qualche neologismo dal Camilleri.

 

Segui questo blog e l’autore su telegram, iscriviti a: t.me/massimo_costa

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento