Statuto sicilia

Prupunemu na pubblicazioni ‘n Sicilianu, cu cummentu di lu Statutu di lu 1848, l’ùltima Custituzioni legìttima chi avi la Sicilia. La publicamu a puntati ogni simana. Pinzannu c’aviss’a fari ‘un Cuvernu rigionali c’addivintassi dumani nnipinnenti, p’attivarla e ripigghiari di dunni avìamu ntirruttu…. Comu lingua usamu na lingua solenni, adatta a na Custituzioni…

STATUTU FUNNAMINTALI DI LU REGNU DI SICILIA

DICRITATU LU JORNU 10 GIUGNETTU 1848

DI GENERALI PARRAMENTU

TÌTULU I

RILIGIONI, NNIPINNENZA, SUVRANITATI

Art. 1 – La riligioni di lu Statu è chidda cattòlica, apostòlica romana.

Siddu lu re non la voli prufissari è ipso facto dicadutu.

Cummentu: Riligioni di Statu non signìfica ca non sunnu ammessi àutri culti o macari nuddu cultu. La situazioni è la stissa ca cc’era in Italia di lu 1946 e nzinu a lu 1984. La riligioni cattòlica, cunzidirata nazionali, avìa un privilegiu rispettu a l’àutri riligioni, ma macari na suttamissioni di l’organizzazioni di la stissa a lu Statu. Lu re, sennu comu ‘n Inghilterra “Capu di la Cresia di Sicilia”, era l’ùnicu a èssiri obbligatu a èssiri cattòlicu. Ma puri iddu putìa aviri la libirtà di cuscienza, sulu ca, pirdennu la fedi cattòlica, avissi pirdutu puru lu regnu. St’artìculu fu messu a lu primu postu nanticchia p’antica tradizioni, di la pricidenti Custituzioni di lu 1812 chi si stava rifurmannu, nanticchia pi teniri unitu lu Paisi in un momentu rivoluzionariu, chi avissi pututu facilmenti èssiri vistu comu nimicu di la riligioni. L’appoju di la Cresia Siciliana era determinanti pi la rinisciuta di la guerra, e, pi li tempi, era relativamenti làicu.

 

Art. 2 – La Sicilia sarrà sempri Statu nnipinnenti.

Lu re di li Siciliani non po rignari o cuvirnari supra a nuddu àutru paisi.

Capitannu chistu è dicadutu ipso facto.

Sulu ca accetta nàutru principatu o cuvernu, cadi macari ispo facto nna la dicadenza.

Cummentu: St’artìculu è veramenti la basi di la Custituzioni siciliana. Doppu Diu, cc’è la Nazioni Siciliana! La ndipinnenza di la Sicilia non si po mèttiri ‘n discussioni. E non s’accetta mancu l’unioni pirsunali di la Sicili cu àutri regni, picchì chistu avìa statu lu peju fatturi di dibulizza di lu Statu sicilianu nna li sèculi passati. Mai chiù Vicirrè! Pari chi ni stassi dicennu l’artìculu. Lu re non po èssiri re di nàutru paisi, ne si chistu càpita, ne si lu dicidi iddu. Nna tutti ssi casi la dicadenza è “ipso facto”, cioè non s’av’a dilibirari, òpira sùbitu, di dirittu, comu quannu canciassi riligioni.

Art. 3 – La suvranitati si posa supra lu nzemi di li citatini siciliani: nudda classi, nudda pirsuna si ni po attribuiri l’eserciziu. Li putiri di lu Statu sunnu diligati e diffirinziati sicunnu lu prisenti Statutu.

Cummentu: lu re è sulu un sìmbolu di lu Statu, ma non avi nudda suvranitati. La Sicilia è na DEMOCRAZÌA. La suvranità spetta a lu Populu Sicilianu, comu “nzemi di li citatini”: cc’è la pirsuna umana, la Nazioni non scafazza l’individuu, ma la Nazioni non è la summa di li citatini, è lu “nzemi” (“università” in Italianu), lu cuncertu di la sucità. Nta na parola la suvranità è di la Nazioni siciliana, comu si fussi un corpu sulu, ma nna lu stessu tempu è formata di citatini… Nudda pirsuna si po pigghiari sulu la suvranità, mancu lu re, ma mancu qualunchi àutru. Li putiri sunnu divisi. La Sicilia non è sulu na Democrazìa, ma macari un STATU DI DIRITTU, cu li tri putiri divisi (ligislativu, esecutivu, giudiziariu), a li quali sunnu didicati tanti “tìtuli” di lu Statutu.

(cuntinua…)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento